Hello Tangible

Nei due post precedenti vi abbiamo preannunciato che stavamo facendo rebranding e che avremmo cambiato nome. Finalmente ci siamo.

Ci abbiamo pensato per mesi e ci siamo interrogati su quale dovesse essere il nostro nuovo brand. Ci siamo fatti molte domande e abbiamo capito diverse cose su di noi.

Abbiamo capito che siamo un team di pensatori e smanettoni, di designer e sviluppatori, di esploratori e artigiani, di umanisti e tecnologi, di stacanovisti e di sognatori.

Abbiamo capito che siamo affascinati dalla tecnologia e dal suo potere di dare forma al nostro futuro, e che allo stesso tempo la tecnologia ha senso solo se serve gli esseri umani e rispetta le loro emozioni, e per questo mettiamo le persone al centro della nostra progettazione.

Abbiamo capito che crediamo nella capacità unica del design di prendere le idee, asciugarle dalla loro astrattezza e renderle tangibili, rendendo possibile l’innovazione ed il cambiamento.

Abbiamo capito che ci piace lavorare a progetti che producano un impatto positivo e misurabile sul business dei nostri clienti, e che contemporaneamente facciano vivere esperienze significative e memorabili alle persone, andando a sedimentarsi nelle loro abitudini.

Abbiamo capito che vogliamo che il design abbia un impatto concreto. È questo che ci mantiene motivati e ci fa venire in ufficio tutti i giorni.

Ed abbiamo capito che il nome di tutto questo non poteva che essere Tangible.

In apparenza un grandissimo cambiamento. In realtà solo una definizione migliore, più appropriata, più aggiornata e più realistica di ciò che facciamo. E soprattutto del tipo di persone che siamo.

Un marchio umano

La componente umana è sicuramente la chiave del nostro brand: umana perché il design è una scienza umana, umana perchè l’obiettivo del nostro lavoro è offrire esperienze eccellenti alle persone, umana perchè sono le persone che formano il nostro team che ne determinano il DNA.

Pur lavorando in progetti che sono immersi nella tecnologia e nell’innovazione, volevamo un marchio umano.

Non freddo, non preciso, non seriale, non procedurale. Impreciso, scritto a mano. Potente come una soluzione appena abbozzata, che prende forma. Veloce come un concetto lanciato su una lavagna, che abilita tutto un nuovo livello di pensiero e di conversazione.

Per questo doveva essere disegnato a mano, e per questo abbiamo coinvolto Luca Barcellona, grafico, illustratore e soprattutto calligrafo eccezionale.

Luca ha interpretato la parola Tangible con il suo tratto, semplice e fluido nel gesto, complesso nel dettaglio e nella texture del pennello. Ha rappresentato bene ciò che avevamo in mente e lo ha reso unico.

Costruire la nostra nuova identità visiva

Della nostra identità visiva precedente, volevamo mantenere costante il colore di base, il magenta.

Non solo è il colore che ci accompagna quasi da sempre, ma è un colore che viene associato alla sfera umana e affettiva, ed alle emozioni. Per questo deve far parte anche del nostro nuovo brand, per rinforzare la caratteristica umana e per differenziarci dai toni freddi, blu e azzurri tipici del mondo tech.

Dei toni più freddi — più precisamente un complementare del magenta ed una somma di quest’ultimo col magenta — ci sono serviti invece come colori secondari, proprio per il loro significato e per l’opposizione con il colore primario.

La scelta tipografica è stata più difficile: il marchio disegnato da Luca Barcellona ha una personalità così forte e dominante che abbinargli un carattere tipografico non è banale.

Un carattere troppo particolare e riconoscibile sarebbe risultato “troppo”, da un punto di vista visivo.

Così abbiamo abbiamo optato per un carattere pulito e semplice, ma non blando, geometrico, ma morbido e con tratti e terminazioni di stile umanistico, leggibile e chiaro.

Abbiamo infine elaborato un sistema visivo e illustrativo, basato su geometrie e forme di base, utile per rappresentare concetti complessi con un stile semplice.

“Solidi presenti, forme concrete dall’aspetto morbido, disegnate attraverso raccordi ampi; forme per accogliere, presentare e raccontare storie, percorsi e connessioni, evidenze e contatti. Un linguaggio di oggetti che con i loro rapporti costruiscono le dinamiche visive del lavoro di Tangible”
PAOLO ‘SPOT’ VALZANIA
Icon designer & illustrator

Infine, “la componente umana” è solo una frase, senza le persone. Per questo abbiamo sempre fatto ampio uso di foto del team al lavoro (e non).

Ora il team è cresciuto, ci sono persone nuove e ci ritroviamo immagini incomplete, scattate negli anni con fotocamere diverse, luci e trattamenti diversi. Per questo abbiamo organizzato uno shooting ex novo, con dei professionisti che ci hanno aiutato a trovare il giusto stile fotografico, soprattutto per i nostri ritratti (non proprio serissimi…).

Infine oggi, dopo 13 anni e 38 giorni di GNV&Partners, siamo pronti a diventare ufficialmente Tangible e a presentarvi il risultato di tutto questo lavoro.

Noi siamo soddisfatti e carichissimi. Voi cosa ne pensate? Aspettiamo feedback… 😉

Ah, non vi distraete, nelle prossime ore arriveranno altre novità!

Altri post di questa serie

Un vestito troppo stretto e troppo vecchio di Nicolò;
L’importanza di una lievitazione lenta di Ilaria.

Leggi anche...
Un giorno di Design Sprint con Jake Knapp
di Nicolò Volpato
23 marzo 2017
L’importanza di una lievitazione lenta
di Ilaria Mauric
2 febbraio 2017