Illustrare e raccontare

Uno degli obiettivi che ci eravamo prefissati per il progetto di Aeroporto di Bologna era quello di raccontare nel modo più inclusivo possibile i servizi e le procedure rivolte a chi ha necessità particolari.

Descrivere, ad esempio: il supporto per le famiglie in viaggio o la modalità con cui un minorenne può prendere un volo, così abbiamo integrato ai testi delle illustrazioni, e in questo modo il messaggio trasmesso emerge. Quando parliamo di inclusività intendiamo eliminare il più possibile frizioni e differenze nel rappresentare visivamente in modo paritario etnie, religioni, persone con esigenze di accessibilità o di mobilità particolari.

Le illustrazioni sono decisamente più versatili di una fotografia. Esse non vincolano l’immaginario come al contrario farebbe una foto e permettono a chi guarda di immedesimarsi in misura maggiore nella situazione rappresentata, focalizzando l’attenzione sulle azioni principali.

disegni e bozze

Le illustrazioni

Caratteristica fondamentale delle illustrazioni progettate per Aeroporto di Bologna è che sono state pensate e realizzate in parallelo al progetto del sito e alle necessità di questo. Il loro compito è infatti quello di accompagnare e rendere immediatamente chiaro il messaggio che si vuole trasmettere.

È stato un lavoro corale: impossibile progettarle in maniera separata o precedente al sito web. Questo ha creato una forte coerenza che si percepisce navigando tutte le sezioni in cui compaiono e sono integrate a tutti gli altri componenti del sistema visivo.

processo di lavoro: dalla bozza all'illustrazione finale

Colori

La palette di colori ha richiesto una particolare attenzione, è nata infatti campionando quelli che erano i colori delle linee guida del Brand, e si è poi evoluta in parallelo al progetto del sito, arricchendosi man mano, per dare accenti che sono andati a caratterizzare i personaggi raffigurati.

I colori e l’inclusività

Come abbiamo già accennato, l’Aeroporto di Bologna è un punto di interscambio che vede passare milioni di persone provenienti da tutte le parti del mondo e accoglie viaggiatori diversi e con esigenze di viaggio molto differenti tra loro. Abbiamo deciso di rappresentare un pubblico così vasto intraprendendo la strada della semplificazione, senza costruire una palette colori che provasse a raccontare ogni singola possibilità e differenza tra genere, l’età o la provenienza delle persone.

illustrazioni sui servizi dell'Aeroporto

È stato scelto, per rappresentare tutte le figure, un colore dominante: il giallo. Questo colore è presente anche nel logo ed è utilizzato in modo omogeneo, così da diventare un non-colore, che omologa per non differenziare. La possibilità di mostrare determinate caratteristiche è invece affidata ad altri piccoli dettagli come, ad esempio, il colore dei capelli che lascia intendere l’età di un personaggio.

Il linguaggio

Il viaggio

Le illustrazioni hanno due peculiarità che le caratterizzano e le accostano all’idea del viaggio in aereo.
La prima consiste nell’elemento grafico in cui sono inserite tutte queste scene, ovvero un oggetto organico, dalla forma morbida, composta da ampie curve. È un riferimento al cielo abbastanza esplicito che richiama volutamente la forma delle nuvole.

Illustrazioni dei servizi dell'aeroporto di bologna

La seconda caratteristica riguarda i personaggi: sono ritratti principalmente a figura intera mentre vivono delle situazioni all’interno dell’aerostazione, ma di questi non sono mai visibili i piedi, nascondendo così il punto di contatto a terra, in modo implicito manca il contatto a terra, altro riferimento all’idea di volo: staccare i piedi da terra.

Le scene

In quasi tutte le scene rappresentate dalle illustrazioni c’è un dialogo tra i protagonisti basato sulla mimica corporea e sullo sguardo. Nonostante i personaggi non abbiano un volto definito, la direzione della testa e la postura mostrano e accompagnano il testo a cui fanno riferimento. Sono rappresentati degli istanti significativi come, ad esempio, l’operatore che parla con la persona che sta aiutando, un padre che si dirige all’imbarco con la propria figlia o una teenager è sorvegliata da una operatrice dell’aeroporto.

Animazione

La versatilità di questi disegni si è dimostrata durante il momento del lancio del sito in cui sono state prodotte delle brevi clip video di alcune delle feature, dei brevi racconti animati con scene e dettagli, nei quali hanno preso vita i personaggi delle illustrazioni.  Sono stati rappresentati i vantaggi per le famiglie, la possibilità di personalizzare l’uso del sito e le funzioni riguardo alla sua accessibilità.

Essi sono stati utilizzati, a partire da novembre 2018, sia internamente alla struttura dell’Aeroporto che per la promozione sui suoi canali social.

La versatilità di questo stile, integrato al complesso sistema visivo, consentirà all’aeroporto di avere nel tempo una raccolta di personaggi e scene da poter utilizzare per le proprie esigenze future.

Per l’aeroporto di Bologna l’importanza di queste illustrazioni è la loro capacità di descrivere situazioni in modo diretto, semplice ma non semplicistico, raccontando una proposta o un servizio, senza essere influenzati da dettagli superflui ma mantenendo il messaggio come priorità.
Il set di personaggi per le illustrazioni dell'aeroporto di Bologna

Rappresentare in modo inclusivo etnie o determinati gruppi è un discorso aperto e in atto su come è possibile affrontarlo e perché le strade che si possono percorrere sono molteplici.

Forse non è possibile trovare la soluzione universalmente valida ma è bene discuterne e far emergere confronti e punti di vista diversi per aumentare la sensibilità dei designer rispetto a questo argomento.

Per approfondire l’argomento:

 

Case Study: Aeroporto di Bologna, facilitare l’esperienza di viaggio e migliorare i flussi di acquisto per i passeggeri

e tu... cosa ne pensi?

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Leggi anche...
A conversation with Josh Clark (part 2)
di Nicolò Volpato
12 Settembre 2019
A conversation with Josh Clark (part 1)
di Nicolò Volpato
6 Settembre 2019